Apuan Alps Geopark official website

apuanegeopark.it

"Autunno Apuano" - Bosa di Careggine, sabato 27 e domenica 28 settembre 2014 - due pullman gratuiti da Pietrasanta e Massa per partecipare all'evento domenicale (prenotazione obbligatoria allo 0583 644.242)
 

 

   News 2014
 
news 2013
news 2012
news 2011
news 2010
 

Un meeting che ha risuonato di Apuane….
Quando la partecipazione alla Rete dei Geoparchi non è un atto passivo

A meeting resounding Apuan Alps...
When the participation to the Geoparks Network is not a passive action

Due volte l’anno la Rete Europea dei Geoparchi si riunisce e discute di prospettive future e di organizzazione presente. Lo fa spostandosi per il vecchio continente, là dove trova ospitalità nella “casa” del Geoparco di turno. Questa volta è accaduto in Germania, a Wernigerode in Sassonia, nel Harz-Braunschweiger Land-Ostfalen Geopark; un domani potrebbe toccare anche alle Alpi Apuane. 
60 Geoparchi insieme e oltre 100 rappresentanti degli stessi, con il comune intento di trovare l’ultima spinta efficace per raggiungere un posto ancora più elevato nella scala dei programmi Unesco.

Non più la Rete benedetta dagli “auspici” dell’Organizzazione delle Nazioni per l’Educazione, la Scienza e Cultura. Forse, in un domani prossimo, questa cooperazione a favore del patrimonio geologico si trasformerà in una vera e propria “iniziativa” Unesco, con una maggiore integrazione negli organi e nelle strutture operative, sia a Parigi e sia in ogni singolo paese.
La discussione al meeting di Wernigerode ha fatto un passo deciso in avanti, nel momento in cui tutti i delegati hanno scelto di dare una forma giuridica alla Rete Globale dei Geoparchi. A breve, avremo una associazione no-profit e così sarà possibile dialogare con questa Organizzazione delle Nazioni Unite, sia nella fase che precede e sia nella fase che seguirà l’eventuale approvazione dell’iniziativa “Unesco Global Geoparks”.
Nel mezzo di questa discussione avvincente e piena di aspettative, il nome delle Alpi Apuane è risuonato più volte e sempre in termini positivi. La prima volta quando è stato ricordato come il nostro Geoparco abbia avuto la risolutezza di manifestare per scritto, tra i primissimi in Europa, il proprio assenso al cambio statutario sopra ricordato. Una seconda volta, durante l’intervento del Coordinatore nazionale Aloia, nel riconoscere i positivi risultati del Workshop dei Geoparchi italiani, che si è svolto lo scorso giugno tra Garfagnana, Lunigiana ed Alta Versilia.
La Delegazione del Geoparco delle Alpi Apuane – rappresentata da Alessia Amorfini e Giuseppe Ottria – ha pure partecipato attivamente al gruppo di lavoro sull’uso dei materiali di scarto provenienti da cave legalmente autorizzate. Un importante contributo alla discussione è stato recato dall’esperienza apuana di valorizzazione in “filiera corta” di produzioni artistiche ed artigianali di pregio, utilizzando materiali residui dell’estrazione del marmo.

Antonio Bartelletti 

(11 settembre 2014)


Chiuso il 6° Workshop dei Geoparchi italiani:
impatto empatico e spunti per nuovi progetti

6th Workshop of Italian Geoparks is ended: empathic impact and ideas for new projects

Sono stati quattro giorni intensi, anzi intensissimi, più di cose da vedere che di parole da ascoltare. Una scelta pensata di concretezza, per fare emergere soprattutto i modelli e le esperienze, con i lati buoni e quelli da ritornarci sopra per un lavoro di correzione e di rifinitura. Non è stata solo la passerella dei migliori esempi realizzati, tinteggiati il giorno prima, ma anche l’inaugurazione di nuove iniziative per percepire la reazione e il gradimento presso un pubblico qualificato.
Tentare un consuntivo a caldo è difficile. Gli autori non hanno il metro del giudizio nelle loro mani, combattuti tra l’enfatizzazione eccessiva e la minimizzazione relativa. La sintesi è poi improponibile il giorno dopo, quando l’euforia e la stanchezza prevalgono. Sarà il tempo a dire se l’offerta ha una sua validità o meno, se i contenuti hanno lasciato traccia significativa nel lavoro prossimo venturo dei Geoparchi italiani.

A noi piace ricordare il clima sereno e partecipato in cui tutto si è svolto. Già questo è un risultato di per sé importante quando si lavora in rete. Durante il Workshop è sembrato evidente che le relazioni umane abbiano valicato la soglia della naturale simpatia e siano entrate profonde nel terreno fertile dell’empatia. Da questo livello poi tutto è possibile: lo slancio verso l’alto con la ripresa e lo sviluppo dei temi proposti oppure l’occasione mancata se la quotidianità costringerà ognuno nel “particulare” estremo dei propri impegni. 
Rimangono oggi da elencare i punti condivisi del Workshop, da riversare negli interventi materiali e nelle azioni immateriali di ogni realtà, sia dell’oggi, sia del domani. In primo luogo, la necessità di indicare sempre la Geologia tra gli “ingredienti” dei prodotti agro-alimentari o dei piatti della cucina dei Geoparchi. Talvolta può sembrare un gioco di fantasia, una provocazione intellettuale, forse una trovata pubblicitaria, ma è anche uno sforzo culturale di ricerca interdisciplinare e un esercizio utile di comunicazione, capace di rompere gli schemi e contaminare i generi. La Geologia non viene dopo la conservazione della biodiversità, le buone pratiche e le filiere corte, ma viene insieme alle stesse e come valore aggiunto dall’esperienza dei Geoparchi. Se poi la Geologia si potrà perfino leggere nel nome dei prodotti e dei piatti, allora sarà finalmente risolta la quadratura di questo nostro cerchio.
Secondo punto condiviso è di andare oltre il “locale” o “tradizionale” inteso come tempo rimosso e negato, spesso vagheggiato per i suoi presunti valori arcadici di qualità della vita, in opposizione alla rovina del presente e all’apocalisse del futuro. Non esiste questo passato astoricizzato, non esiste questa identità perenne, immobile ed immutabile. La cucina locale o tradizionale è il risultato di successive innovazioni, che sono intervenute nel corso della storia e premiate dall’evoluzione dei costumi. Analogo processo è avvenuto per la selezione delle razze animali e delle cultivar vegetali.
Compito dei Geoparchi è rompere con il “tradizionale” oleografico, folcloristico e cristallizzato, per favorire piuttosto l’innovazione dei prodotti agricoli e la creatività nella cucina. Bisogna seguire questo segno di buona coltura e cultura, lontano da pratiche empiriche e frutto invece di una sana sperimentazione, che sostenga sempre l’utilizzo delle produzioni locali, anche di nuova introduzione o selezione.
Compito dei Geoparchi è anche preparare i propri territori agli effetti dei cambiamenti climatici in atto, poiché spazi possibili per esperienze pilota di ricerca delle migliori soluzioni rispetto alle diverse situazioni ambientali conservate, con un occhio di riguardo ai substrati geologici e alle forme della Terra. Citiamo qui l’esempio soltanto del vino “Enjology” prodotto quest’anno nella Geopark Farm di Bosa di Careggine e presentato durante il Workshop. Al di là del suo apprezzamento, l’esempio è significativo come innovazione sperimentale in un’area non vocata in passato alla coltivazione, ma suscettibile di esserlo in conseguenza del riscaldamento globale, dove produzione e promozione del prodotto hanno fatto tesoro delle conoscenze e delle specificità della geologia del luogo.
Il Workshop ha anche presentato momenti di riflessione e proposte da approfondire, ancora non del tutto condivise. Il riferimento è al possibile inserimento dei suoli in una speciale categoria di geositi, allo stesso modo di alcuni aspetti del terrazzamento agrario, là dove particolari affioramenti di rocce siano state integrati dall’opera umana o conservino evidenze archeologiche di attività estrattive o di forme di insediamento umano.
Altri sarebbero i contenuti da evidenziare e gli spunti scaturiti dal Workshop da finalizzare a nuovi progetti. Per non appesantire troppo questo riassunto delle attività, rimandiamo la descrizione ad altra sede e ad altro momento.
In chiusura è d’obbligo il nostro ringraziamento ai Geoparchi e agli aspiranti Geoparchi che hanno partecipato con entusiasmo e nella quasi totalità di enti e persone rappresentate, con una speciale menzione per il coordinatore nazionale, Aniello Aloia, e per il Vice Presidente dell’Ordine dei Geologi della Toscana, Francesco Ceccarelli. Eguale ringraziamento va pure alla delegazione tunisina dell’Office National des Mines e della Regione di Tataouine, ospite al Workshop grazie ad un progetto di cooperazione internazionale della Regione Toscana, sviluppato dall’ONG Medina e dal Parco delle Apuane, con l’obiettivo di gettare le basi economiche necessarie all’istituzione del primo Geoparco della Tunisia. 
Non è possibile concludere non ricordando come il Workshop e tutte le realizzazioni presentate siano il risultato del lungo e talvolta oscuro lavoro (non richiesto e suppletivo) di buona parte della struttura operativa del Parco delle Apuane che – anche in questa occasione – ha dimostrato di essere un gruppo ben affiatato e con competenze individuali non comuni. Tra questi fondamentale è risultato il contributo organizzativo del Geopark manager, Alessia Amorfini, insieme al contributo culturale del coordinatore della commissione di gestione scientifica del Geoparco, Giuseppe Ottria.

Antonio Bartelletti

(7 giugno 2014)


Castelnuovo di Garfagnana per tre giorni capitale dei Geoparchi italiani
Castelnuovo di Garfagnana is the capital of Italian Geoparks for three days

Il Workshop del Forum italiano dei Geoparchi è al nastro di partenza. Parteciperanno i rappresentanti dei 9 territori già riconosciuti e di 6 aspiranti al riconoscimento presso la Rete Europea e Globale, che svolge la propria attività sotto gli auspici dell’Unesco.
L’incontro del 2014 è stato dedicato al rapporto tra conservazione del patrimonio geologico e valorizzazione dei prodotti tipici di qualità biologica. Non a caso la sede operativa del Workshop è posta a Castelnuovo di Garfagnana, poiché “capitale” di un territorio che ha fatto tesoro e attribuito valore aggiunto della riscoperta delle produzioni agro-alimentari di tradizione locale.

Si inizia martedì 3 giugno, alle 20, con l’iniziativa “Cibiamoci di Parco” presso il Ristorante “La Ceragetta” di Capanne di Careggine, con una cena-presentazione sul tema “Alla scoperta del vino apuano”. Il giorno dopo, presso la Fortezza di Mont’Alfonso a Castelnuovo di Garfagnana, mattino interamente dedicato alle comunicazioni scientifiche, che spazieranno dalla manutenzione e cura dei terrazzamenti, alla macro e microeconomia dei prodotti agro-alimentari, con un costante filo conduttore ad inanellare argomenti di tradizione, innovazione ed identità, sulla trama di fondo della diversità geologica.
Il pomeriggio del 4 giugno il Workshop si trasferisce alla Geopark Farm di Bosa di Careggine, per far toccare con mano quanto il Parco delle Alpi Apuane ha realizzato negli ultimi anni sul tema. Una visita guidata al Centro visite, al Museo della fauna di ieri e di oggi, agli spazi della conservazione in situ e on farm e pure a quelli della coltivazione agricola sperimentale. Nell’occasione verrà presentato il “vino di montagna” di Bosa, prodotto in questo luogo a 850 m sul livello del mare, per far capire quali scenari futuri si stanno affacciando in conseguenza del riscaldamento globale in atto.
Giovedì 5 giugno è di scena l’escursione in treno da Castelnuovo di Garfagnana ad Equi Terme, con la proposta di un percorso turistico di percezione e scoperta della geologia dei luoghi attraversati. Giunto in Lunigiana, il Workshop proseguirà visitando il museo interattivo del Parco, ApuanGeoLab, e il sistema carsico-paleontologico di Equi. Nel pomeriggio è in programma la sessione terminale con le presentazioni degli aspiranti Geopark nella sala convegni dell’Hotel delle Terme.
Venerdì 6 sarà la giornata conclusiva con il trasferimento da Castelnuovo di Garfagnana a Levigliani di Stazzema, attraversando le Alpi Apuane. Presso il “Corchia Underground System” verranno proposti i percorsi turistici nella grotta carsica dell’Antro e nelle miniere di Mercurio nativo, nonché la visita ai musei della “Pietra piegata” e di “Comunità ed Impresa”.

(2 giugno 2014)


ApuanGeoDay 2014, sabato 31 maggio ad Equi Terme:
come difendersi dai terremoti

ApuanGeoDay 2014, Saturday, 31st May in Equi Terme:
how to protect themselves from earthquakes

Terzo anno di ApuanGeoDay ad Equi Terme, ancora all’interno dell’ApuanGeoLab, il museo interattivo di Scienze della Terra dell’Apuan Alps Geopark. L’argomento 2014 non poteva che essere il terremoto, dopo le migliaia di scosse che, dal 21 giugno 2013, hanno colpito questo settore della Lunigiana. Un lungo e rovinoso sciame ha fatto seguito all’evento massimo di 5.2 Richter, portando segni diffusi di distruzione nei comuni di Fivizzano e Casola in Lunigiana.
L’area è notoriamente sismica e, per questo motivo, c’è bisogno di un’opera capillare di corretta informazione su come difendersi da questi rischi naturali.

Prevedere non è ancora possibile, ma mitigare i danni è possibilissimo. E la prima buona pratica per farlo è imparare dagli eventi del passato, per non ripetere gli errori fatti, soprattutto nel costruire.
Su questo tema di attualità geologica e non solo, il Parco delle Alpi Apuane propone una conferenza e un dibattito, a partire dalle ore 9 di sabato 31 maggio. Il primo intervento in programma – dal titolo “Cosa abbiamo imparato dal terremoto” – sarà trattato dal dott. Carlo Meletti, un geologo che ha iniziato la propria attività di ricerca presso il Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti (GNDT) del CNR, poi al Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa e, da oltre un decennio, ricopre l’incarico di primo tecnologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
Seguirà il contributo apparentemente simile, ma solo complementare, su “Cosa dobbiamo imparare dal terremoto”. Ne parlerà la dott.ssa Spina Cianetti, anch’essa dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
Alla fine della conferenza e dopo il dibattito, il Parco offrirà una degustazione di prodotti tipici della Lunigiana.

(28 maggio 2014)


L’ultimo Leone d’Italia nel Museo che si apre sabato a Bosa:
è vissuto nelle Apuane 11 mila anni fa

The last Lion of Italy in the Museum which will open on Saturday 24th May in Bosa of Careggine: it lived in the Apuan Alps 11,000 years ago

Tra le mille ragioni per salire a Bosa di Careggine, sabato 24 maggio alle 10, c’è ne sono alcune del tutto speciali che qui vogliamo ricordarvi. Per prima cosa si inaugura il “Museo della fauna di ieri e di oggi”, è questo già sarebbe un motivo più che valido per essere presenti. Proprio agli appassionati di zoologia e di vertebrati in particolare, il Museo offre la possibilità di vedere esemplari rari ed inconsueti dell’attuale fauna apuana, tra cui il Biancone, il Grifone, il Gufo reale, ecc., tutti conservati e posizionati all’interno di diorami, che illustrano ambienti diversi delle Alpi Apuane: i coltivi, i castagneti, le faggete e le praterie d’altitudine.
Per spingervi fino a Bosa si aggiunge il fatto, non secondario, della intitolazione a Mario Dini di una sezione del Museo; quella di Paleontologia del Quaternario e di Archeologia preistorica. Al nome di questo giovane studioso, immaturamente scomparso,

si legano i più recenti ritrovamenti di insediamenti preistorici lungo la Tùrrite Secca, da Isola Santa fino quasi a Castelnuovo di Garfagnana. Una selezione di strumenti in selce del Paleolitico superiore e del Mesolitico, provenienti dalle stesse zone, si trova raccolta nel Museo insieme a materiali didattici di Archeologia sperimentale, che spiegano come l’uomo preistorico si costruisse le armi per cacciare e gli utensili per tagliare e ridurre in cibo le prede catturate.
Vi abbiamo detto due ragioni fondamentali, ma ne esiste almeno un’altra importante. Tra i resti ossei di animali estinti durante il Glaciale e il Postglaciale, spiccano due premolari del Leone delle caverne, provenienti anch’essi da un livello mesolitico del Riparo Fredian, posto lungo la Tùrrite Secca. Forse di per sé potranno dire poco, ma quei denti appartenevano a l’ultimo Leone finora documentato sul territorio italiano e uno dei più recenti dell’Europa occidentale. Quell’esemplare di felino è vissuto nelle Alpi Apuane circa 11.000 anni fa o, più precisamente, tra il 9.156 e l’8.546 a.C., così misurato e calibrato con il Carbonio-14.
Per poter meglio apprezzare quale minacciosa presenza si aggirasse per i boschi e le praterie apuane, in un tempo non remoto, è stata realizzata una ricostruzione in grandezza naturale del Leone delle caverne. Ne è autore Lorenzo Possenti di “Ecofauna” che, per il Museo di Bosa, ha già realizzato l’Orso delle caverne lo scorso anno. I due esemplari, abilmente ricostruiti, sono qui fotografati insieme.
Un po’ più grande del Leone africano, il Leone delle caverne si distingueva per la mancanza o un piccolo accenno di criniera maschile e soprattutto per la pelliccia molto chiara, quale adattamento a territori freddi e spesso coperti di neve e ghiacci. La sopravvivenza della specie in queste terre, in un periodo così vicino a noi e in ambienti che già si rivestivano di boschi misti, è forse legata ad una locale e ormai divenuta rara abbondanza di grandi erbivori, come stambecchi e cervi.

(22 maggio 2014)


Giornata Europea dei Parchi: Tutti a Bosa di Careggine il 24 maggio per il nuovo Museo degli animali di ieri e di oggi
European Day of Parks, 24th May 2014: Inauguration and opening of the new Museum of yesterday’s and today’s fauna in Geopark Farm of Bosa di Careggine. The “Quaternary Palaeontology and Prehistoric Archaeology” Section dedicated to Mario Dini

La Settimana dei Parchi 2014 termina sabato prossimo con l’evento clou. Il Parco inaugura il suo terzo museo e lo dedica alla fauna di ieri e di oggi. Il luogo è il Centro agricolo-naturalistico “Giuseppe Nardini” di Bosa di Careggine, con una breve ma intensa cerimonia che coprirà l’intera mattinata. L’appuntamento è alle ore 10 e avrà inizio con il saluto delle autorità e gli interventi che illustreranno il significato e l’importanza di questo percorso didattico del tutto innovativo, pensato sia per le scuole e sia per i visitatori del Parco.
Dopo la parte protocollare, si avrà il taglio del nastro e la visita guidata al Museo, che si articola in due distinte e parallele sezioni. Da una parte c’è la “fauna di oggi”, con gli animali che si possono incontrare lungo le cime montuose, le praterie sommitali e i boschi delle Alpi Apuane.

Il pubblico potrà qui ammirare un’importante collezione di esemplari raccolti, non più in vita, nell’area protetta e contigua del Parco, ben preparati dai migliori tassidermisti della zona. Le principali specie animali sono tutte rappresentate, dall’aquila reale al lupo, posti al vertice delle catene alimentari, fino ai più piccoli mammiferi, uccelli, rettili e anfibi che popolano ed impreziosiscono la biodiversità di queste montagne.
Dall’altra parte del Museo c’è la sezione di Paleontologia del Quaternario e di Archeologia preistorica, più semplicemente detta della “fauna di ieri”. Questa volta sono di scena carnivori ed erbivori, talvolta estinti, che vivevano sulle Apuane durante l’ultima glaciazione e il successivo periodo postglaciale. Sono i grandi mammiferi che hanno visto e spesso subìto lo scioglimento dei ghiacci e lo stabilirsi delle attuali condizioni climatiche ed ambientali. Resti di ossa, ma anche due superbe ricostruzioni in grandezza naturale dell’Orso delle caverne e del Leone delle caverne.
Questo spazio non accoglie solo animali, ma anche l’uomo preistorico con i suoi strumenti in selce per catturare le prede e preparare il cibo recuperato durante le battute di caccia.
La giornata di sabato vedrà poi l’intitolazione di questa sezione della “fauna di ieri” a Mario Dini di Lucca, il giovane ricercatore di Archeologia preistorica immaturamente scomparso nel 2012. È questo un piccolo riconoscimento che gli amici del Parco hanno voluto tributare alla sua memoria, dopo averlo conosciuto ed apprezzato negli stage archeologici presso il sito dell’Isola Santa. In quei giorni, proprio Mario Dini aveva suggerito l’idea di un Museo della Preistoria, che potesse raccogliere e valorizzare i preziosi reperti restituiti dalle Alpi Apuane e dalla Garfagnana appenninica. L’eredità morale di questo progetto è stata raccolta e, grazie al contributo di diverse persone amiche, tra cui il prof. Carlo Tozzi, l’idea è divenuta realtà.
Il programma della Giornata Europea dei Parchi prevede poi, verso le ore 12, l’inaugurazione della mostra fotografica “Terrazzi apuani: memoria erosa e sommersa”, che raccoglie alcune foto che hanno partecipato al concorso sul tema, indetto mesi fa dal Parco. La sede espositiva è la ‘sala eventi’ posta al piano terra del Museo
Al termine della mattinata, verrà infine offerta ai partecipanti una degustazione di prodotti tipici del Parco.

(19 maggio 2014)


Il programma definitivo del 6° Workshop dei Geoparchi Italiani - iscrizioni aperte fino al 31 maggio
6th Workshop of Italian Geoparks:
the definitive programme - registration open until 31st May


 

Finalmente è possibile consultare il programma definitivo del 6° Workshop dei Geoparchi Italiani, che si svolgerà nel Parco delle Alpi Apuane dal 3 al 6 giugno 2014.
Per consentire il completamento del numero degli iscritti, il termine per inviare la propria richiesta è stato prorogato al 31 maggio prossimo.

(12 maggio 2014)


Le “Marmitte dei Giganti” ritornano visibili:
il Parco “ha ripulito” i fossi dell’Angullaja e Fatonero

You can review the Giant’s potholes: the Park “cleaned” the Anguillaja and Fatonero’s dichtes

Quasi ci si era dimenticati della loro esistenza. Da diversi anni, soprattutto in primavera ed estate, la vegetazione dei fossi Anguillaja e Fatonero le nascondeva alla vista di turisti e passanti. Chi era abituato a fermarsi lungo la strada provinciale “Valle d’Arni” riusciva mala pena a scorgerle.
Da alcuni giorni, le Marmitte dei Giganti sono ritornate visibili con il taglio dei carpini neri, frassini e maggiociondoli che invadevano l’alveo dei due corsi d’acqua. Un intervento eseguito dal Parco delle Alpi Apuane, che facilita anche il deflusso delle acque incanalate, ma voluto soprattutto per valorizzare questo eccezionale fenomeno fluvio-glaciale. Va sottolineato che le Marmitte del versante sud del M. Sumbra sono uno dei principali geositi del Geoparco EGN-GGN, che opera sotto gli auspici dell’Unesco. 
Lo sviluppo della copertura arborea nell’area protetta non è sempre un fattore positivo. Non lo è quando chiude le praterie secondarie intrasilvatiche; non lo è quando fa da barriera ai punti panoramici, quando ostruisce l’Arco del Forato e nasconde le Marmitte dei Giganti.
Senza più o quasi le attività forestali di taglio della legna, la gestione di questi operazioni di manutenzione ricade totalmente a carico dell’ente pubblico. L’intervento del Parco alle Marmitte completa l’altra importante opera eseguita dall’Unione di Comuni “Alta Versilia”, di recupero del sentiero sulla sinistra idrografica della Tùrrite Secca per il collegamento escursionistico tra i due fossi Anguillaja e Fatonero
)

(19 aprile 2014)


Aperte le iscrizioni per il Workshop dei Geoparchi italiani
Italian Geoparks Workshop: registration opening, from today by the end of April

Da oggi è possibile iscriversi al 6° Workshop dei Geoparchi in Italia, sul tema: “Enjoy the Geology: Enjology? Geodiversity and typical food and wine”, in programma dal 3 al 6 giugno pp.vv., con punto di riferimento operativo a Castelnuovo di Garfagnana, ma con svolgimento itinerante anche a Bosa di Careggine, Equi Terme di Fivizzano e Levigliani di Stazzema.
Alla pagina web dedicata (vedi indirizzo in fondo alla news) è possibile prendere visione del programma e scaricare la “scheda di registrazione”. Chi intende iscriversi deve compilare questa “scheda” ed inviarla – entro e non oltre il 30 aprile 2014 – all’indirizzo e-mail: info@apuanegeopark.it.
La tassa d’iscrizione ordinaria è di € 100,00 per il workshop e di € 50,00 per il field trip, a parte le gratuità e gli sconti di cui si dirà in seguito. Il pagamento della tassa d’iscrizione al workshop dà diritto alla partecipazione alle attività in programma il 4 e 5 giugno pp.vv., compresi i pranzi, le cene, le degustazioni, gli spostamenti, i biglietti d’ingresso e gli spettacoli. Nella stessa tassa non sono però compresi i viaggi d’arrivo e di partenza e l’eventuale soggiorno in hotel, che sono a carico dei partecipanti. In modo analogo, la tassa d’iscrizione al field trip dà diritto alla partecipazione alle attività in programma il 6 giugno 2014, compreso il pranzo, gli spostamenti e i biglietti d’ingresso. 
Si ricorda che l’evento del 3 giugno 2014 è riservato ai soli partecipanti del Workshop che soggiorneranno a Castelnuovo di Garfagnana.
i Geoparchi italiani ed europei, aderenti alla GGN-EGN, così come gli Aspiring Geopark italiani hanno diritto a gratuità in diversa misura numerica come di consuetudine.

Inoltre, uno sconto del 25% sulle tasse di iscrizione è riconosciuto agli iscritti all’Ordine professionale dei Geologi, alla Fist (Federazione Italiana di Scienze della Terra), alla Sigea (Società Italiana di Geologia Ambientale) e all’Associazione Italiana di Geologia e Turismo (G&T).
Si ricorda che i posti a disposizione per questa iniziativa sono limitati, arrivando a 50 per il workshop e 20 per il field trip.
Il Parco ha avanzato la richiesta dei crediti d’Aggiornamento Professionale Continuo (APC) in corso, presso l’Ordine dei Geologi della Toscana. Infine, la mattina del 4 giugno e il pomeriggio del 5 avranno valore di eventi di aggiornamento per le Guide del Parco e del Geoparco.

(19 marzo 2014)


Semaforo verde dal Forum dei Geoparchi italiani per il Workshop nazionale nelle Alpi Apuane dal 3 al 6 giugno 2014
Green light by the Italian Geoparks’ Forum to National Workshop in the Apuan Alps, from 3rd to 6th June 2014: a rich program of cultural events and field trips

La riunione annuale dei Geoparchi italiani, svoltasi ieri a Roma, ha approvato il programma di massima del 6° Workshop nazionale, con l’indicazione delle date di svolgimento. Dunque, il Parco delle Alpi Apuane ospiterà questa importante iniziativa, dal 3 al 6 giugno 2014, in diversi strutture luoghi della Garfagnana, Lunigiana ed Alta Versilia. Il tema del Workshop riguarderà i rapporti tra la geodiversità dei Geoparchi italiani e le loro produzioni agro-alimentari tipiche, per comprendere meglio e valorizzare il nesso stretto esistente tra caratteri fisico-geologici, potenzialità agronomiche e riflessi culturali delle filiere territoriali.

Conferenze, escursioni ed altre iniziative culturali completeranno il programma, che verrà pubblicato, in dettaglio, nelle prossime settimane.
Il Forum dei Geoparchi italiani di Roma, riunito presso il Consiglio Nazionale dei Geologi, ha trattato altri importanti argomenti d’ordine internazionale e nazionale. Il Coordinatore della Rete dei Geoparchi europei, Nickolas Zouros, ha aggiornato sul lento processo di riconoscimento della “Global Geoparks Initiative” presso l’Unesco. Il Working Group on Geoparks, appositamente costituito, ha elaborato diverse possibili soluzioni su forma giuridica e struttura organizzativa, che verranno sottoposte a consultazione attraverso un questionario da diffondere presso tutti i Geoparchi della Rete globale.
Diverso tempo della riunione di Roma è stato dedicato allo stato delle procedure di rivalidazione in corso e su quelle in stand by di Geoparchi italiani. Il Forum nazionale è stato poi informato dell’avvenuta candidatura di due aspiring-geopark dell’area alpina, che potrebbero incrementare l’attuale numero di membri nella Rete: il Grigna Valsassina e Lago di Como (Lombardia) e l’Alpi Cozie (transfrontaliero Piemonte-Francia). Per il prossimo periodo autunnale, con la riapertura dei termini di deposito dei dossier, si annunciano possibili ed ulteriori presentazioni di altri territori italiani, tra cui i Parchi nazionali del Pollino e del Vesuvio.
Il Forum ha poi preso atto dell’agenda degli appuntamenti internazionali della EGN-GGN per il 2014, dove sono previsti il 33° meeting europeo nel Sobrarbe Geopark in Spagna (dal 26 al 29 marzo), il 34° meeting europeo nel Harz Braunschweiger Land Ostfalen Geopark in Germania (dal 1° al 3 settembre) e la VI Conferenza internazionale Unesco sui Geoparchi presso lo Stone Hammer Geopark in Canada (dal 19 al 22 settembre). Inoltre, anche quest’anno si terrà il consueto International Intensive Course on Geoparks, presso l’isola di Lesvos in Grecia, dal 24 giugno al 4 luglio.
Altre iniziative si aggiungono poi sul fronte nazionale, a fianco del 6° Workshop “apuano” detto in apertura, tra cui la partecipazione al “G&T day”, dal 23 al 24 maggio, a cura dell’Associazione italiana Geologia e Turismo, nonché l’adesione alla “Settimana del pianeta Terra”, dal 12 al 19 ottobre, senza dimenticare la “European Geoparks Week”, in programma in tutti i Geoparchi dal 24 maggio al 9 giugno 2014.
Prima della chiusura della riunione, il Forum ha eletto il suo Coordinatore nazionale per il biennio 2014-2015. Sulla base dell’unica candidatura pervenuta nei termini è stata ratificata la nomina di Aniello Aloia del Cilento e Vallo di Diano Geopark, che così succede a Maurizio Burlando del Beigua Geopark, da quattro anni alla guida dell’organismo.


(8 marzo 2014)


Il Geoparco in Tunisia per investire nelle risorse umane…
The Geopark in Tunisia to investing in People... education, knowledge and skills... employment and social cohesion...

Il Geoparco delle Alpi Apuane come incubatore di un altro potenziale Geoparco a Tataouine nella Tunisia meridionale, all'interno di progetti di cooperazione internazionale da sviluppare attraverso Organizzazioni Non Governative (ONG). Questa è la mission possibile che è stata delineata e definita nel corso del viaggio effettuato sui bordi settentrionali del Sahara, dal Direttore del Parco e dal dott. Giuseppe Ottria del Comitato scientifico, nella settimana dal 12 al 16 febbraio 2014.
Lo scopo non è insegnare, ma riversare e ricevere esperienze e così migliorare le relazioni all'interno della Rete mondiale dei Geoparchi, come espressamente richiesto dall'Unesco.

Il primo progetto comune vuole favorire, attraverso bandi dell'Unione Europea e non solo, lo sviluppo sociale ed umano, investendo nelle risorse umane sia delle Alpi Apuane, sia della regione di Tataouine. Il "geoparco" è il modello di tutela e promozione del territorio che l'Office National des Mines del Ministero tunisino dell'Industria, ha individuato come il più efficace per migliorare i mezzi di sussistenza delle persone marginalizzate, vulnerabili e dipendenti dall'economia informale di questa regione. Al nostro Parco è stato chiesto un aiuto nello sviluppo in loco delle competenze, dell'educazione e della formazione professionale, creando momenti di scambio ed occasioni di promozione per le attività economiche certificate e sostenute nell'area protetta delle Alpi Apuane.
Il progetto elaborato insieme a l'ONG "Medina" di Borgo San Lorenzo (Firenze) prende nome di GEOSITES: acronimo di "Glocalisation, Education, Organisation au Service Inclusif du Territoire pour l'Emploi Stable"...

Dunque una buona pratica di cooperazione internazionale che può solo arricchire il Geoparco delle Alpi Apuane, con un investimento iniziale di sole risorse umane, tenuto conto che i costi di missione sono stati interamente sostenuti dalle autorità tunisine e dall'ONG Medina di Borgo San Lorenzo (Firenze), partner dell'iniziativa.


(19 febbraio 2014)


Dal Geoparco al Consiglio Nazionale dei Geologi:
il bel salto della nostra collega…

From Geopark to National Council of Geologists: the good jump of our colleague…

“In un momento di grandi difficoltà economiche, la valorizzazione del patrimonio geologico, intimamente legata alle Scienze della Terra, diventa servizio sociale per il nostro Paese”. Così aveva affermato, un anno fa a Roma, Gian Vito Graziano – Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi – a margine del Forum Nazionale dei Geoparchi italiani. A settembre, ad Ascea (Salerno), durante la 12.ma Conferenza dei Geoparchi europei, Graziano ha ribadito il medesimo concetto e si è impegnato in azioni concrete in tal senso. Di lì a poco, il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Geologi è passato dalle parole ai fatti, istituendo il Gruppo di lavoro sulla “Valorizzazione del patrimonio geologico”.
Il lavoro è già iniziato presso la sede romana del Consiglio per individuare iniziative ed attività che possano aprire spazi professionali ai Geologi anche nel campo della conservazione e della promozione della geodiversità.

Ulteriore obiettivo è il maggiore riconoscimento dei temi geologici all’interno della Legge nazionale sulle aree protette, attualmente in fase di revisione presso i due rami del Parlamento.
Particolare soddisfazione è per il Parco apprendere che, tra gli esperti del Gruppo di lavoro nazionale, è entrata a far parte anche la dott.ssa Alessia Amorfini, nostra Geopark manager. Va detto che il mondo dei Geoparchi italiani ha espresso soltanto due figure sui sette membri di questa commissione.

(4 febbraio 2014)


 
                   
apuaneweb.it
parcapuane.it
portale del parco
archeominerario.it
storia estrattiva, paesaggio
minerario, cultura materiale
apuanebiopark.it
natura, agricoltura,
biodiversità
apuaneducazione.it
educazione ambientale,
sviluppo sostenibile
actapuana.it
rivista scientifica
del parco
parcapuane.toscana.it
sito istituzionale
del parco
antrocorchia.it         
viaggio nella grotta
delle meraviglie
orto botanico               
flora, vegetazione,
didattica
apuaneturismo.it            
turismo, eventi,
attività culturali
amormarmoris.it
arte, artigianato,
lavoro del marmo
                   

 
home  |  news  |  geopark  |  geositi  |  geoturismo  |  geologia convegni  |  musei  |  geolab  egn week  |  educazione  |  documenti  |  fotogallery  |  libro ospiti